LEGGE REGIONALE N. 13 del 20 giugno 2006 raccolta tartufi in campania

LEGGE REGIONALE N. 13 del 20 giugno 2006

“Disciplina della raccolta, coltivazione e commercio dei tartufi freschi o conservati destinati al consumo e tutela degli ecosistemi tartufigeni”.

IL CONSIGLIO REGIONALE

Ha approvato

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE

PROMULGA

La seguente legge:

Articolo 1

Finalità e oggetto della legge

1. La regione Campania con la presente legge in adempimento a quanto previsto dalla legge 16 dicembre 1985, n. 752, al fine di tutelare e

valorizzare il patrimonio tartuficolo campano, disciplina sul territorio regionale, la raccolta, la coltivazione, la conservazione e la commercializzazione

dei tartufi nonché la tutela dell’ambiente naturale in cui essi si riproducono.

2. I tartufi destinati al consumo da freschi appartengono ai generi e alle specie elencati all’articolo 2 della legge 16 dicembre 1985, n.752,

con le modifiche apportate dalla legge 17 maggio 1991, n. 162.

Articolo 2

Esercizio delle funzioni amministrative

1. La regione Campania esercita le funzioni amministrative per l’attuazione della presente legge avvalendosi delle province per i territori

di rispettiva competenza territoriale.

2. Le funzioni amministrative di cui al comma 1 sono svolte nell’ambito di indirizzi generali e di coordinamento adottati dalla Giunta regionale.

La Giunta regionale esercita anche le necessarie azioni di promozione e valorizzazione del patrimonio tartuficolo campano e di tutela e

conservazione ambientale dei territori direttamente interessati.

3. Entro tre mesi dall’approvazione della presente legge, con apposito regolamento, si stabiliscono le modalità attuative dei contenuti della

legge stessa.

Articolo 3

Disciplina della raccolta

1. La raccolta dei tartufi è libera nei boschi naturali e nei terreni non coltivati nel rispetto delle modalità e dei limiti stabiliti con la presente

legge.

2. Per tartufaia naturale si intende qualsiasi formazione vegetale di origine naturale che produce spontaneamente tartufi. Per tartufaia

controllata si intende la tartufaia naturale sottoposta a miglioramenti ed eventualmente incrementata con la messa a dimora di un congruo numero

di piante tartufigene. Per tartufaia coltivata si intende un impianto specializzato, realizzato ex novo con piante tartufigene e sottoposto ad

appropriate cure colturali.

3. Nelle aree rimboschite o imboschite, diverse dalle tartufaie controllate o coltivate, la raccolta dei tartufi è consentita dopo otto anni dalla

data del rimboschimento.

4. Il regolamento regionale di cui al comma 3 dell’articolo 2 riporta le prescrizioni tecniche cui attenersi per lo svolgimento delle operazioni

di miglioramento delle tartufaie esistenti e per la costituzione di nuove tartufaie.

5. Nessun limite di raccolta è posto nelle tartufaie controllate o coltivate al proprietario, all’usufruttuario ed al coltivatore del fondo, ai

membri delle rispettive famiglie, ai lavoratori da loro dipendenti regolarmente assunti per la coltivazione del fondo, nonché, per i terreni condotti

in forma associata, ai soci degli organismi di conduzione ed ai loro familiari.

6. Gli interessati, per esercitare il diritto di cui al comma 5, sono tenuti ad esporre apposite tabelle, non soggette a tasse di registro, delimitanti

le tartufaie stesse. Le tabelle rispondono alle prescrizioni contenute nell’articolo 3 della legge n. 752/85 e successive modifiche.

7. Al fine di salvaguardare ed incentivare la raccolta, la produzione e la commercializzazione dei tartufi e di preservare l’ambiente idoneo

alla tartuficoltura, i titolari di aziende agricole e forestali o coloro che a qualsiasi titolo le conducono possono costituire consorzi volontari per la

difesa del tartufo o per l’impianto di nuove tartufaie. Nel caso di contiguità dei loro fondi, la tabellazione di cui al comma 6 può essere limitata

alla periferia del comprensorio consorziato.

8. I consorzi volontari per la difesa, la raccolta e la commercializzazione del tartufo di cui al comma 7, sono costituiti con atto pubblico.

Articolo 4

Riconoscimento delle tartufaie

1. Le province, su richiesta di coloro che ne hanno titolo, rilasciano l’attestazione di riconoscimento delle tartufaie controllate o coltivate, a

seguito del parere della competente commissione tecnica provinciale per la tutela del tartufo di cui all’articolo 8.

2. Il riconoscimento delle tartufaie controllate ha validità quinquennale ed è rinnovabile, previo parere da parte della commissione tecnica

provinciale di cui all’articolo 8.

3. La Giunta regionale provvede, entro tre mesi dall’approvazione della presente legge, all’emanazione dei criteri e degli indirizzi operativi

per il rilascio delle attestazioni di riconoscimento, da parte degli enti di competenza, delle tartufaie controllate o coltivate.

4. Nel rispetto degli indirizzi operativi regionali, le province istituiscono appositi albi delle tartufaie riconosciute con le modalità di cui

all’articolo 13.

Articolo 5

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA – N. 29 DEL 3 LUGLIO 2006

Ambiti di raccolta dei tartufi

1. La Giunta regionale provvede, entro tre mesi dall’entrata in vigore della presente legge, ad identificare e delimitare, con apposita cartografia,

le zone geografiche di raccolta dei tartufi, sentite le province, le comunità montane interessate, gli istituti universitari competenti in materia

e le associazioni micologiche maggiormente rappresentative a livello regionale, con il concorso degli organi tecnici del corpo forestale dello

Stato.

2. In attuazione di quanto disposto all’articolo 4 della legge 16 giugno 1927, n. 1766, nei terreni gravati da uso civico è confermato il diritto

esclusivo di raccolta da parte degli utenti, secondo le modalità previste dal piano di assestamento forestale approvato dalla Giunta regionale.

3. Se i comuni o le associazioni agrarie titolari di terreni di uso civico intendono concedere a terzi non utenti il diritto di raccolta dei tartufi,

i subentranti presentano all’ente di competenza territoriale un piano di conservazione delle tartufaie da sottoporre al preventivo parere della

commissione tecnica provinciale per la tutela del tartufo di cui all’articolo 8.

4. Nelle aziende faunistico-venatorie e turistico-venatorie, istituite ai sensi della legge regionale 10 aprile 1996, n.8 e negli agriturismi, l’attività

di ricerca e raccolta dei tartufi è consentita, secondo le modalità di cui all’articolo 6, con l’ausilio di un solo cane per cercatore, esclusivamente

nei periodi in cui la caccia è vietata.

Articolo 6

Modalità di ricerca e raccolta

1. La ricerca e la raccolta dei tartufi sono effettuate in modo da non arrecare danno alle tartufaie.

2. La ricerca dei tartufi è effettuata solo con l’ausilio del cane a ciò addestrato. Ogni raccoglitore, detto anche cercatore, non può utilizzare

contemporaneamente più di due cani e un cucciolo di età non superiore a dieci mesi.

3. Per la raccolta dei tartufi è impiegato esclusivamente il vanghetto con l’ausilio eventuale per lo scavo tra le pietre di piccole zappe.

4. Lo scavo della buca nel terreno è effettuato solo dopo la localizzazione del tartufo da parte del cane ed è limitato al punto in cui il cane lo

ha iniziato. Le buche aperte per l’estrazione dei tartufi sono subito riempite con la stessa terra rimossa.

5. La raccolta giornaliera individuale complessiva è consentita entro il limite massimo di 2 chilogrammi, fatto salvo quanto disposto al comma

5 dell’articolo 3.

Articolo 7

Calendario ed orario di ricerca e raccolta

1. La ricerca e la raccolta dei tartufi è consentita da un’ora prima dell’alba ad un’ora dopo il tramonto ed è limitata ai periodi dell’anno stabiliti

dal calendario di raccolta.

2. Il calendario di raccolta, distinto per specie e varietà, è disposto dalla Giunta regionale entro tre mesi dall’approvazione della presente

legge.

3. Le province, sentita la commissione tecnica provinciale per la tutela del tartufo di cui all’articolo 8, possono disporre variazioni al calendario

di raccolta per periodi ed ambiti territoriali limitati, in relazione all’andamento climatico stagionale o per motivi di salvaguardia degli ecosistemi

ovvero in relazione a specifiche e motivate situazioni locali.

4. Le province, sentita la commissione tecnica provinciale di cui all’articolo 8, possono disporre, al fine di evitare danni al patrimonio tartuficolo

o per altri gravi motivi, il divieto temporaneo di raccolta per una o più specie e per determinati ambiti territoriali di competenza.

5. Le province sono tenute a dare sempre adeguata pubblicità alle variazioni al calendario di raccolta disposte ai sensi dei commi 3 e 4.

Articolo 8

Commissioni tecniche provinciali per la tutela del tartufo

1. Presso ogni amministrazione provinciale è istituita una commissione tecnica provinciale per la tutela del tartufo, nominata dalla Giunta

provinciale e composta da:

a) il Presidente della Giunta provinciale o suo delegato, che la presiede;

b) un esperto in materia designato dall’assessore provinciale all’agricoltura e foreste;

c) un esperto in materia designato dalla comunità montana con la superficie boscata più estesa in ambito provinciale;

d) un funzionario appartenente al settore decentrato in materia forestale dell’assessorato regionale all’agricoltura e foreste, designato dal

dirigente del settore medesimo;

e) un funzionario dell’amministrazione provinciale designato dall’assessore provinciale all’agricoltura e foreste, con funzioni di segretario

della commissione.

2. La commissione svolge i seguenti compiti:

a) valuta l’idoneità dei richiedenti il rilascio del tesserino di cui all’articolo 9;

b) esprime il parere per il riconoscimento delle tartufaie controllate di cui all’articolo 4;

c) esprime il parere sui piani di conservazione di cui al comma 3 dell’articolo 5;

d) esprime i pareri sulle variazioni al calendario di raccolta e sui divieti temporanei di cui all’articolo 7;

e) interviene, in generale, laddove la presente legge lo richiede.

3. Le designazioni dei componenti la commissione devono pervenire entro trenta giorni dalla richiesta. Trascorso inutilmente tale termine,

la commissione s’intende regolarmente costituita anche con designazioni parziali.

4. Le province provvedono a tutto quanto necessario per il funzionamento della commissione, utilizzando a tal fine le risorse rese disponibili

per l’applicazione della presente legge.

Articolo 9

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA – N. 29 DEL 3 LUGLIO 2006

Autorizzazione alla raccolta

1. Il raccoglitore, o cercatore, per ottenere l’autorizzazione alla raccolta dei tartufi sostiene un esame di idoneità presso la provincia competente

per territorio di residenza anagrafica del richiedente.

2. L’esame di idoneità è inteso ad accertare nel candidato la conoscenza delle specie e varietà di tartufo, degli elementi basilari di biologia

ed ecologia degli stessi, delle modalità di ricerca, raccolta e commercializzazione previste dalle norme in vigore, nonchè di nozioni generali di micologia

e selvicoltura.

3. Il rilascio dell’autorizzazione, a cura della provincia di cui al comma 1, è documentato da un apposito tesserino recante le generalità e la

fotografia del titolare.

4. Il tesserino di cui al comma 3 è conforme ad un modello tipo, predisposto dalla Giunta regionale entro sessanta giorni dalla data di entrata

in vigore della presente legge, ed ha valore su tutto il territorio nazionale.

5. Gli aspiranti raccoglitori che non superano l’esame di idoneità di cui al comma 1 possono chiedere di ripetere la prova stessa trascorsi tre

mesi.

6. Sono esentati dalla prova di idoneità di cui al comma 1 coloro che sono già muniti di autorizzazione rilasciata da altre amministrazioni

regionali o provinciali.

7. L’età minima dei raccoglitori che possono ottenere l’autorizzazione alla raccolta dei tartufi è stabilita in anni 14. I minori di anni 14 possono

praticare la ricerca e la raccolta se accompagnati da persona abilitata.

8. Il tesserino è valido cinque anni e può essere rinnovato, su richiesta, per il quinquennio successivo a cura dell’ente di competenza che ha

provveduto al rilascio.

9. Non sono soggetti all’autorizzazione di cui al comma 1 i raccoglitori di tartufi sui fondi di loro proprietà o comunque da essi condotti.

10. Presso ciascuna provincia è istituito il registro anagrafico dei raccoglitori autorizzati. In tale registro sono annotati, oltre agli estremi dei

versamenti annuali, anche le sanzioni amministrative di cui all’articolo 16, ai fini della comminazione delle sanzioni accessorie ed ogni altra annotazione

utile ai fini amministrativi.

Articolo 10

Associazioni dei raccoglitori

1.I raccoglitori possono costituirsi in associazioni, al fine del raggiungimento degli obiettivi di salvaguardia e miglioramento degli ecosistemi

tartufigeni locali nonché di oculata gestione delle tartufaie controllate e coltivate.

2. Il riconoscimento delle associazioni di cui al comma 1, è disposto a cura della Giunta regionale secondo le procedure ed il rispetto dei requisiti

contenuti nel regolamento attuativo della presente legge di cui all’articolo 1.

3. Le associazioni dei raccoglitori o cercatori riconosciute sono soggetti abilitati ad attuare azioni di promozione, tutela e valorizzazione commerciale

del tartufo, sostenute dalla regione o da altri enti pubblici.

Articolo 11

Iniziative promozionali finanziabili

1. La Giunta regionale promuove e sostiene iniziative ritenute utili al fine di favorire la ricerca, la sperimentazione, la formazione tecnica e

professionale nonché la tutela, la promozione e la valorizzazione commerciale del prodotto campano.

2. Ai fini del comma 1, sulla base di appositi progetti, la Giunta regionale può finanziare attività dirette o concedere contributi ad altri enti o

consorzi o associazioni riconosciute per i seguenti interventi:

a) attività formative e di aggiornamento dei raccoglitori, dei tecnici degli enti competenti, del personale addetto alla vigilanza, nonché corsi

di addestramento dei cani;

b) attività di studio, ricerca e sperimentazione applicata;

c) iniziative promozionali, informative, pubblicitarie, culturali e di valorizzazione commerciale del prodotto campano;

d) attività promozionali per l’affermazione sui mercati delle specie di tartufo presenti sul territorio, finalizzate in particolare alla tutela e

valorizzazione del tartufo nero di Bagnoli Irpino -Tuber mesentericum Vitt.-, tartufo tipico campano;

3. E’demandato alla Giunta regionale il compito di studiare e definire il sistema di certificazione e tracciabilità dei tartufi prodotti nel territorio

regionale.

4. Ai fini della salvaguardia e dell’incremento della produzione tartuficola, le province, nell’ambito dei propri programmi e dei finanziamenti

ad essi attribuiti predispongono programmi di recupero e miglioramento delle tartufaie ivi compresa la messa a dimora di piante tartufigene,

con riferimento agli ambiti geografici di cui al comma 1 dell’articolo 5.

5. Il miglioramento di tartufaie già esistenti e l’impianto ex novo sono considerati interventi forestali e le operazioni relative sono ammesse

a beneficiare degli aiuti finanziari previsti dalle norme vigenti in materia di forestazione.

6. Le piante forestali utilizzate per la realizzazione di impianti ex novo o per incrementare le tartufaie già esistenti sono munite di apposita

certificazione di micorrizzazione rilasciata in conformità della legislazione vigente.

Articolo 12

Modalità di finanziamento

1. I contributi previsti per le attività di cui al comma 2 dell’articolo 11 sono concessi, in conto capitale:

a) fino all’80 per cento della spesa ammessa, alle province e ad altri enti pubblici, compresi quelli di ricerca e sperimentazione;

b) fino al 50 per cento della spesa ammessa, ai consorzi volontari di cui al comma 7 dell’articolo 3 e alle associazioni dei raccoglitori riconosciute

di cui all’articolo 10.

2. Le funzioni amministrative di istruttoria, assegnazione, accertamento ed erogazione delle somme spettanti ai soggetti beneficiari dei contri-

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA – N. 29 DEL 3 LUGLIO 2006

buti di cui al comma 2 dell’articolo 11 sono curate dal settore foreste, caccia e pesca e dal settore sperimentazione, informazione, ricerca e consulenza

in agricoltura-SIRCA- della Giunta regionale – Area generale di coordinamento sviluppo attività settore primario.

Articolo 13

Albi delle tartufaie riconosciute

1. Le province, nel rispetto delle direttive regionali, istituiscono appositi albi provinciali nei quali sono iscritte le tartufaie controllate e coltivate

riconosciute ai sensi dell’articolo 4.

2. Negli albi sono annotati i dati relativi ai soggetti che conducono le tartufaie, la documentazione catastale relativa ai terreni, la cessazione

della coltivazione ed eventuali variazioni.

3. Le province provvedono a trasmettere semestralmente all’Area generale di coordinamento sviluppo attività settore primario della

Giunta regionale gli albi con gli intervenuti aggiornamenti.

Articolo 14

Divieti

1. Sono in ogni caso vietati:

a) la ricerca e la raccolta in periodi ed in orari difformi da quelli previsti dall’articolo 7;

b) la ricerca e la raccolta senza l’ausilio del cane a tal fine addestrato o senza gli attrezzi consentiti di cui al comma 3 dell’articolo 6;

c) la ricerca e la raccolta senza il tesserino di cui all’articolo 9;

d) la raccolta dei tartufi immaturi od avariati;

e) la ricerca e la raccolta nelle aree riservate di cui al comma 5 dell’articolo 3 da parte di raccoglitori non aventi diritto;

f) la ricerca e la raccolta nei terreni di demanio regionale senza preventiva autorizzazione da parte dei competenti uffici della Giunta regionale;

g) l’apertura di buche nel terreno in soprannumero e la non riempitura delle buche aperte nella raccolta;

h) il commercio di tartufi freschi fuori dal periodo di raccolta;

i) la raccolta, il consumo ed il commercio da freschi di tartufi appartenenti a specie diverse da quelle previste dall’articolo 2 della legge n.

752/85 e successive modifiche. In caso di dubbio o contestazione, l’accertamento delle specie è svolto da uno degli enti elencati all’articolo 2 della

legge n. 752/85 e successive modifiche o da quelli individuati dal regolamento di attuazione di cui al comma 3 dell’articolo 2.

l)la vendita abusiva o comunque senza documento di provenienza ai mercati pubblici di tartufi freschi e conservati;

m) il commercio di tartufi conservati senza l’osservanza delle norme prescritte, salvo che il fatto non costituisca reato a norma degli articoli

515 e 516 del codice penale.

Articolo 15

Vigilanza

1. La vigilanza sull’applicazione della presente legge è effettuata dai soggetti di cui all’articolo 15 della legge n. 752/85 e successive modifiche.

2. Le guardie giurate volontarie addette ai compiti di vigilanza possiedono i requisiti di cui all’articolo 138 del testo unico delle leggi di pubblica

sicurezza, approvato con regio decreto 18 giugno 1931, n. 773 e sono riconosciute dal prefetto competente per territorio.

3. Nelle aree protette, nazionali e regionali, la vigilanza è svolta con il coordinamento degli enti di gestione.

Articolo 16

Sanzioni

1. Per le violazioni alla presente legge si applicano le seguenti sanzioni amministrative:

a) pagamento di una sanzione pecuniaria da euro 100,00 ad euro 500,00 per ciascuna delle seguenti infrazioni:

1. ricerca e raccolta dei tartufi senza l’ausilio del cane a tal fine addestrato o con un numero di cani maggiore di quello previsto al comma 2

dell’articolo 6;

2. scavo delle buche nel terreno con attrezzi diversi da quelli consentiti;

3. scavo di buche in soprannumero o non riempitura delle buche aperte per la raccolta;

4. raccolta di tartufi nelle aree rimboschite, purché adeguatamente tabellate, per un periodo di 8 anni da quello del rimboschimento;

5. raccolta di tartufi appartenenti a specie diverse da quelle previste dall’articolo 2 della legge n. 752/85 e successive modifiche;

b) pagamento di una sanzione pecuniaria da euro 200,00 ad euro 500,00 per ogni chilogrammo di tartufi raccolti in eccedenza al quantitativo

previsto dal comma 5 dell’articolo 6;

c) pagamento di una sanzione pecuniaria da euro 200,00 ad euro 700,00 per ciascuna delle seguenti infrazioni:

1. ricerca e raccolta senza l’autorizzazione prescritta, sempre che non se ne dimostri il possesso e la regolarità, esibendola nel termine perentorio

di dieci giorni dalla data di contestazione dell’infrazione, all’autorità cui appartiene l’agente verbalizzante;

2. ricerca e raccolta nei periodi e negli orari di divieto;

3. raccolta di tartufi immaturi o avariati;

4. ricerca e raccolta nei terreni di demanio regionale senza preventiva autorizzazione;

5. ricerca dei tartufi con ogni cane in più previsto dal comma 2 dell’articolo 6;

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA – N. 29 DEL 3 LUGLIO 2006

d) pagamento di una sanzione pecuniaria da euro 200,00 ad euro 700,00 per ogni chilogrammo di tartufi raccolti abusivamente nelle tartufaie

controllate e coltivate riconosciute, riservate e tabellate, anche consorziali;

e) pagamento di una sanzione pecuniaria da euro 300,00 ad euro 1.000,00 per ciascuna delle seguenti infrazioni:

1. commercio di tartufi freschi fuori dal periodo di raccolta;

2. commercio da freschi di tartufi appartenenti a specie diverse da quelle previsto dall’articolo 2 della legge n. 752/85 e successive modifiche;

3. vendita abusiva ai mercati pubblici di tartufi freschi e conservati;

4. commercio di tartufi conservati senza l’osservanza delle norme prescritte, salvo il fatto non costituisca reato a norma degli articoli 515 e

516 del codice penale.

f) pagamento di una sanzione pecuniaria da euro 100,00 ad euro 500,00 per chi viola le disposizioni non espressamente richiamate nel presente

articolo.

2. Per tutti i casi indicati nel comma 1, è prevista la confisca dei tartufi, fatta salva la facoltà del trasgressore di dimostrare, entro due ore

dalla contestazione dell’infrazione, la legittimità della provenienza. Trascorso tale termine, si procede alla distruzione del prodotto e copia

dell’apposito verbale è rilasciata al contravvenzionato.

3. Per le violazioni di cui al comma 1, lettere a, b, c, d ed f, a cura dell’ente, organo o istituzione cui appartiene l’agente verbalizzante, è data

comunicazione all’ente che ha rilasciato il tesserino, ai fini dell’annotazione delle violazioni stesse sul registro anagrafico di cui al comma 10

dell’articolo 9.

4. Le violazioni accertate con provvedimento definitivo sono annotate nel tesserino di cui all’articolo 9.

5. Se in un biennio sono compiute tre violazioni fra quelle di cui al comma 1, lettere a, b, c, d ed f, è comminata, a cura dell’ente di competenza

che ha rilasciato l’autorizzazione, una sanzione accessoria consistente nella sospensione del tesserino ed il ritiro dello stesso per un periodo

massimo di due anni. Nell’ipotesi di ulteriore violazione può, motivatamente, disporsi la revoca definitiva dell’autorizzazione stessa.

6. E’ fatta salva l’applicazione delle vigenti norme penali, se le violazioni alle disposizioni contenute nel presente articolo costituiscono reato.

7. Per l’applicazione delle sanzioni di cui sopra si applicano le disposizioni di cui alla legge regionale 10 gennaio 1983, n. 13 e successive modifiche.

8. Le competenze amministrative in materia di irrogazione delle sanzioni sono attribuite alle province, le quali utilizzano le somme introitate

per tutti gli interventi previsti per il raggiungimento delle finalità della presente legge.

Articolo 17

Tassa di concessione

1. Per il rilascio e la convalida annuale del tesserino di idoneità di cui all’articolo 9 è istituita una tassa annuale di concessione regionale per

la ricerca e la raccolta dei tartufi, nella misura prevista dalla tariffa allegata alla legge regionale 7 dicembre 1993, n. 44 -al n. d’ordine 27-, redatta

ai sensi del decreto legislativo n. 230/91 e successive modifiche.

2. Il versamento della tassa di cui al comma 1 è effettuato a favore della regione Campania entro il 31 gennaio dell’anno solare a cui si riferisce

e comunque prima di effettuare l’attività di ricerca e raccolta.

3. La tassa di concessione non si applica ai raccoglitori di tartufi sui fondi di loro proprietà o comunque da essi condotti.

4. La ricevuta del versamento della tassa di concessione per il rilascio e per la convalida annuale è conservata unitamente al tesserino di autorizzazione

alla raccolta ed esibita, se richiesta, agli organi preposti alla vigilanza.

Articolo 18

Norma finanziaria

1. Agli oneri derivanti dall’attuazione degli interventi previsti dalla presente legge, stimati per il 2006 in euro 50.000,00, si fa fronte con lo stanziamento

di cui all’unità previsionale di base 1.74.174, mediante prelievo, in termini di competenza e di cassa, dell’occorrente somma dello stato di previsione

della spesa per l’anno finanziario 2006.

2. Agli oneri finanziari per gli anni successivi si provvede con la legge di bilancio.

Articolo 19

Disposizioni finali

1. Per quanto non previsto dalla presente legge si applicano le norme contenute nella legge 16 dicembre 1985, n. 752 e successive modifiche.

Articolo 20

Dichiarazione di urgenza

1. La presente legge è dichiarata urgente ai sensi e per gli effetti degli articoli 43 e 45 dello Statuto ed entra in vigore il giorno successivo

alla sua pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione Campania.

La presente legge sarà pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione Campania.

E’ fatto obbligo, a chiunque spetti, di osservarla e di farla osservare come legge della Regione Campania.

20 giugno 2006

Bassolino

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA – N. 29 DEL 3 LUGLIO 2006

LEGGE REGIONALE : “Disciplina della raccolta, coltivazione e commercio dei tartufi freschi o conservati, destinati al consumo e tutela

degli ecosistemi tartufigeni”

Avvertenza: il testo della legge viene pubblicato con le note redatte dal Settore Legislativo, al solo scopo di facilitarne la lettura (D.P.G.R.C. n.

10328 del 21 giugno 1996).

Nota all’articolo 1

Comma 1

Legge 16 dicembre 1985, n.752 “Normativa quadro in materia di raccolta, coltivazione e commercio dei tartufi freschi o conservati destinati

al consumo.”

Comma 2

Art.2 legge 752/85 citata al comma 1:

“I tartufi destinati al consumo da freschi devono appartenere ad uno dei seguenti generi e specie, rimanendo vietato il commercio di qualsiasi

altro tipo

1) Tuber magnatum Pico, detto volgarmente tartufo bianco

2) Tuber melanosporum Vitt., detto volgarmente tartufo nero pregiato

3) Tuber brumale var. moschatum De Ferry, detto volgarmente tartufo moscato

4) Tuber aestivum Vitt., detto volgarmente tartufo d’estate o scorzone

5) Tuber uncinatum Chatin, detto volgarmente tartufo uncinato

6) Tuber brumale Vitt., detto volgarmente tartufo nero d’inverno o trifola nera

7) Tuber Borchii Vitt. o Tuber albidum Pico, detto volgarmente bianchetto marzuolo;

8) Tuber macrosporum Vitt., detto volgarmente tartufo nero liscio

9) Tuber mesentericum Vitt., detto volgarmente tartufo nero ordinario

Le caratteristiche botaniche ed organolettiche delle specie commerciali sopraindicate sono riportate nell’allegato 1 che fa parte integrante

della presente legge.

L’esame per l’accertamento delle specie può essere fatto a vista in base alle caratteristiche illustrate nell’allegato 1 e, in caso di dubbio o

contestazione, con esame microscopico delle spore eseguito a cura del centro sperimentale di tartuficoltura di Sant’Angelo in Vado del Ministero

dell’agricoltura e delle foreste, o del centro per lo studio della micologia del terreno del Consiglio nazionale delle ricerche di Torino o dei laboratori

specializzati delle facoltà di scienze agrarie o forestali o di scienze naturali dell’Università mediante rilascio di certificazione scritta.”

Legge 17 maggio 1991, n.162 “Modifiche alla legge 16 dicembre 1985, n. 752, recante normativa quadro in materia di raccolta, coltivazione

e commercio dei tartufi freschi o conservati destinati al consumo.”

Nota all’articolo 3

Comma 6

Art.3 legge 752/85 già citata nella nota all’articolo1:

“La raccolta dei tartufi è libera nei boschi e nei terreni non coltivati. Hanno diritto di proprietà sui tartufi prodotti nelle tartufaie coltivate

o controllate tutti coloro che le conducano; tale diritto di proprietà si estende a tutti i tartufi, di qualunque specie essi siano, purché vengano apposte

apposite tabelle delimitanti le tartufaie stesse. Le tabelle devono essere poste ad almeno 2,50 metri di altezza dal suolo, lungo il confine del

terreno, ad una distanza tale da essere visibili da ogni punto di accesso ed in modo che da ogni cartello sia visibile il precedente ed il successivo,

con la scritta a stampatello ben visibile da terra: ”Raccolta di tartufi riservata”. Le regioni, su richiesta di coloro che ne hanno titolo, rilasciano le

attestazioni di riconoscimento delle tartufaie controllate o coltivate. Per tartufaie controllate si intendono le tartufaie naturali migliorate ed incrementate

con la messa a dimora di un congruo numero di piante tartufigene; si intendono invece per tartufaie coltivate quelle impiantate ex

novo. Nulla è innovato in merito a quanto disposto dagli articoli 4 della legge 16 giugno 1927, n. 1766 , e 9 del regio decreto 26 febbraio 1928, n.

332.”

Nota all’articolo 5

Comma 2

Legge 16 giugno 1927, n.1766: “ Conversione in legge del R.D. 22 maggio 1924, n.751, riguardante il riordinamento degli usi civici nel Regno,

del R.D. 28 agosto 1924, n.1484, che modifica l’art. 26 del R.D. 22 maggio 1924, n. 751, e del R.D. 16 maggio 1926, n.895, che proroga i termini assegnati

dall’art. 2 del R.D.L. 22 maggio 1924, n. 751.”

Articolo 4:

1. Per gli effetti della presente legge i diritti di cui all’art. 1 sono distinti in due classi: 1° essenziali, se il personale esercizio si riconosca necessario

per i bisogni della vita; 2° utili, se comprendano in modo prevalente carattere e scopo di industria. Appartengono alla 1ª classe i diritti di pascere

e abbeverare il proprio bestiame, raccogliere legna per uso domestico o di personale lavoro, seminare mediante corrisposta al proprietario. Alla 2ª

classe appartengono, congiunti con i precedenti o da soli, i diritti di raccogliere o trarre dal fondo altri prodotti da poterne fare commercio, i diritti di

pascere in comunione del proprietario e per fine anche di speculazione; ed in generale i diritti di servirsi del fondo in modo da ricavarne vantaggi

economici, che eccedano quelli che sono necessari al sostentamento personale e famigliare. Per gli effetti della presente legge sono reputati usi civici

i diritti di vendere erbe, stabilire i prezzi dei prodotti, far pagare tasse per il pascolo, ed altri simili, che appartengono ai Comuni sui beni dei privati.

Non vi sono invece comprese le consuetudini di cacciare, spigolare, raccogliere erbe ed altre della stessa natura. Di queste gli utenti rimarranno

nell’esercizio, finché non divengano incompatibili con la migliore destinazione data al fondo dal proprietario.”

Comma 4

Legge regionale 10 aprile 1996, n.8 “Norme per la protezione della fauna selvatica e disciplina dell’attività venatoria in Campania.”

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA – N. 29 DEL 3 LUGLIO 2006

Nota all’articolo 14

Comma 1, lettera i):

Art.2 legge n.752/85 già citato nella nota all’articolo 1

Comma 1, lettera m)

Art.515 c.p. “ Frode nell’esercizio del commercio.”

Art.516 c.p “Vendita di sostanze alimentari non genuine come genuine.”

Nota all’articolo 15

Comma 1

Art. 15 legge 752/85 gia citata nella nota all’articolo 1

“ La vigilanza sull’applicazione della presente legge è affidata agli agenti del Corpo forestale dello Stato. Sono inoltre incaricati di far rispettare

la presente legge le guardie venatorie provinciali, gli organi di polizia locale urbana e rurale, le guardie giurate volontarie designate da

cooperative, consorzi, enti e associazioni che abbiano per fine istituzionale la protezione della natura e la salvaguardia dell’ambiente. Gli agenti

giurati debbono possedere i requisiti determinati dall’articolo 138 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza approvato con regio decreto 18

giugno 1931, n. 773, e prestare giuramento davanti al prefetto.”

Comma 2

Art. 138 Testo Unico delle leggi di pubblica sicurezza

“ Le guardie particolari devono possedere i requisiti seguenti: 1° essere cittadino italiano o di uno Stato membro dell’Unione europea ; 2°

avere raggiunto la maggiore età ed avere adempiuto agli obblighi di leva; 3° sapere leggere e scrivere; 4° non avere riportato condanna per delitto;

5° essere persona di ottima condotta politica e morale; 6° essere munito della carta di identità; 7° essere iscritto alla cassa nazionale delle assicurazioni

sociali e a quella degli infortuni sul lavoro. La nomina delle guardie particolari deve essere approvata dal Prefetto. Le guardie

particolari giurate, cittadini di Stati membri dell’Unione europea, possono conseguire la licenza di porto d’armi secondo quanto stabilito dal decreto

legislativo 30 dicembre 1992, n. 527, e dal relativo regolamento di esecuzione, di cui al D.M. 30 ottobre 1996, n. 635 del Ministro dell’interno.

Si osservano, altresì, le disposizioni degli articoli 71 e 256 del regolamento di esecuzione del presente testo unico.”

Regio Decreto 18 giugno 1931, n.773 “ Approvazione del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza”

Nota all’articolo 16

Comma 1

Art.2 legge 752/85 gia citato nella nota all’articolo 1

Articoli 515 e 516 codice penale già citati nella nota all’articolo 14

Comma 7

Legge regionale 10 gennaio 1983, n. 13 : “Norme per l’applicazione delle sanzioni amministrative e pecuniarie di competenza della Regione

o di Enti da essa delegati o subdelegati”

Nota all’articolo 17

Comma 1

Legge regionale 7 dicembre 1993, n. 44 : “Determinazione della tariffa per le tasse sulle concessioni regionali.”

Nota all’articolo 20

Art. 43 dello Statuto: “ Procedura di approvazione ” Ogni progetto di legge, previo esame in Commissione, è discusso e votato dal Consiglio

articolo per articolo e con votazione finale. Il regolamento stabilisce i procedimenti abbreviati per i disegni di legge dei quali è dichiarata

l’urgenza.”

Art.45 dello Statuto: “ Promulgazione e pubblicazione delle leggi regionali”……omissis….. La legge regionale entra in vigore il quindicesimo

giorno successivo alla pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della regione, salvo che la stessa stabilisca un termine maggiore.

Una legge dichiarata urgente dal Consiglio Regionale può essere promulgata ed entrare in vigore prima della scadenza dei termini di cui

sopra.”

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA – N. 29 DEL 3 LUGLIO 2006


condividi su Facebook condividi su Twitter condividi su Pinterest condividi su Whatsapp condividi su Telegram

Utilizziamo cookies tecnici, di analisi e di terze parti per agevolare e rendere più efficace l’esperienza dell’utente nel sito. Visitando i contenuti della nostra pagina web presta il suo consenso all’uso di questi strumenti e accetta la nostra Cookie policy

seguici su Facebook seguici su Twitter seguici su Instagram seguici su Pinterest