Il futuro del Laceno sul filo del “finanziamento”: chiariamo le idee ai nostri lettori

gita-scolastica-lago-laceno00011Cari utenti, siamo giunti ad un “punto” in cui ci sembra doveroso dover puntualizzare le vicende inerenti al nostro caro altopiano Laceno e il famoso finanziamento per l’ammodernamento dell’impianto sciistico.
Nelle ultime settimane e non solo, abbiamo assistito a “prese di posizione” che tanto si allontanano dalla realtà (volontariamente?) e ad un inquadrarsi della situazione su valutazioni non realistiche, quasi a voler scaricare colpe del mancato avvio dei “lavori” a chi attualmente gestisce gli impianti, cercando di voler trovare un capro espiatorio a tutti i costi.
Certo che poter solamente pensare che il Sig. Pagnini (direttore dell’impianto turistico estivo ed invernale) e la Società Concessonaria possano inquadrarsi come dei “responsabili” in caso di mancato raggiungimento del finanziamento ha quasi del paradossale.

In questi anni di frequentazioni del Laceno e in questi anni di lavoro a contatto con turisti, appassionati e operatori, mi è sembrato di vedere un’istituzione abbastanza lontana dalle reali esigenze della località e tuttavia, ho assistito ad un lavoro costante di chi con tantissime difficoltà (meteorologiche, tecniche, politiche, ecc ecc) ha sempre mantenuto un’attenzione costante sull’altopiano Laceno e ha garantito la funzionalità dell’intero comparto turistico.

Mantenere un impianto a Laceno, in Campania, sull’Appennino, forse per chi è distante dalle “logiche” è qualcosa di scontato, ma in realtà è davvero una “scommessa” e darei atto di questo sforzo a chi ha gestito questa “macchina imponente” e chi ha collaborato costantemente con anima e corpo prodigandosi alla riuscita di questa continuità ; continuità che ha permesso al Laceno di “vivere” e a tutti gli operatori di beneficiare di un indotto generato soprattutto dall’impianto sciistico.


Considerati gli sforzi, le difficoltà e l’impegno, quindi (mi ripeto) parrebbe più logico ringraziare chi ha messo in campo mezzi, fondi privati elaceno-27-dicembre-201300006 tempo per questa località.

Detto questo poi, spinto anche dalle numerose richieste giunte sul sito da parte dei frequentatori del Laceno, ho deciso di svincolarmi dalle “voci di popolo” e di informarmi personalmente sulla vicenda (tenendo conto anche dei miei studi giuridici)…


La situazione si delinea chiara e con una logica schiacciante:

– Esiste un atto di convenzione tra Comune e Società Concessionaria,dove è menzionata la durata della stessa a 58 anni nell’articolo 8 con preciso riferimento al “secondo ventinovennio”; qualora ancora per una volta venisse menzionata la famosa “vicenda” del ricorso e della sentenza del TAR che considererebbe “scaduti” i concessionari, prendo atto che in quella sentenza si parla di “inammissibilità” di presentazione di un ricorso e non certo di una decisione nel merito e INAMMISSIBILITA’ in diritto : ” è la declaratoria di rigetto di una domanda che non possa essere accolta perchè ,violazione di ordine formale integranti ipotesi di nullità o l’inosservanza di termini sanzionati a pena di decadenza la rendano improduttiva di effetti e quindi non ricevibile


Tra l’altro, dopo l’inizio del secondo ventinovennio spiegatemi le numerose autorizzazioni comunali come fanno a non integrare (qualora ce ne fosse stata necessità) un “tacito rinnovo“)

– Oltre ad una convenzione esiste un atto di cessione dei suoli con durata 58 anni e quindi scadenza nel 2031 . Atto che qualora si volesse anche mettere in discussione il “nulla” sopra riportato, farebbe “impietrire” e fermare chiunque in ulteriori tesi



– La Società Concessionaria negli anni addietro ha investito sulla località con ampliamento delle piste, ammodernamenti e tanti altri lavori che sicuramente hanno avuto un costo e restano a servizio della comunità anche alla scadenza della convenzione.

– Il lavoro svolto dall’inizio della Convenzione ad oggi ha un valore

– Il Comune di Bagnoli Irpino per accedere al finanziamento e quindi per vedersi decretato lo stesso ha bisogno di avere l’area in oggetto “libera”

– Il Concessionario più volte ha dimostrato di voler collaborare per trovare una soluzione, vedendosi (direi addirittura costretto) ad adoperarsi personalmente (quando la “paura” di poter perdere i fondi era più forte) per ottenere un nuovo finanziamento sull’accelerazione della spesa e prendersi oneri e responsabilità sull’eventuale realizzazione dei lavori;  tra l’altro dopo la scadenza della convenzione a chi sarebbero tornati i beni finanziati al Concessionario? Non sempre al Comune stesso?

Detto questo, appare logico pensare che allo stato attuale, manca il passaggio dell’accordo e l’accordo non può prescindere da un fattore fondamentale e da una considerazione:

1) Un riconoscimento materiale del lavoro svolto e del valore dei beni allo stato attuale in primis. 
2) Parliamo di un soggetto privato e di un imprenditore che in quanto tale, con il proprio lavoro ne da anche ad altrettanti cittadini bagnolesi e di conseguenza va messo i condizione di tutelarsi e di continuare a lavorare. Quindi qual miglior modo per il Comune di trovare un accordo con il quale garantire al Concessionario di continuare a svolgere il proprio lavoro?



Ai posteri l’ardua sentenza…
Sperando che la situazione si sblocchi quanto prima e che si prescinda finalmente da questioni “campanilistiche” che non gioverebbero al paese e alle località limitrofe.


Angelo Mattia Rocco – Laceno.net

 


condividi su Facebook condividi su Twitter condividi su Pinterest condividi su Whatsapp condividi su Telegram

Utilizziamo cookies tecnici, di analisi e di terze parti per agevolare e rendere più efficace l’esperienza dell’utente nel sito. Visitando i contenuti della nostra pagina web presta il suo consenso all’uso di questi strumenti e accetta la nostra Cookie policy

seguici su Facebook seguici su Twitter seguici su Instagram seguici su Pinterest