^

Polyporus tuberaster


Il Polyporus tuberaster si accaparra di sicuro un posto importante all’interno del panorama fungino del Laceno; in primis perchè specie diffusissima e soprattutto con crescita esplosiva dopo le primissime piogge e a volte anche prima, in secundis perchè a questo fungo sono attribuiti dei ritrovamenti di tartufo nero ordinario (Tuber mesentericum vittadini) da record, in modo errato (vederemo in seguito il perchè).
Cresce nel terreno o su ceppaie in marcescenza, dopo le prime piogge estive o semplicemente dopo la caduta dell’umidità notturna creata dalle erbe e dalle piante.
Cappello ad imbuto, giallo con disegni a squame particolari, molto grande negli esemplari maturi.
Gambo sodo, la carne è di consistenza tenace e per questo non viene consumato dai locali, anche se in passato questo fungo rappresentava alimento per le popolazioni dei carbonai.
Come dicevamo sopra, al Polyporus tuberaster vengono attribuiti dei ritrovamenti record di tartufo nero di Bagnoli Irpino e questo è spiegato in quanto il fungo in questione produce sotto il suo corpo fruttifero, sotto terra, uno sclerozio formato da ife e sostanze terricole, alquanto somigliante ad un tartufo nero. Molte volte i cani più esperti , nonostante non si tratti di un Tuber mesentericum, percepiscono l’odore fungino proveniente dal sottosuolo e cavano degli esemplari enormi di sclerozi o pietra fungaia che erroneamente (o di proposito) vengono identificati come tartufo per aumentare la tiratura di riviste o per aumentare la propia notorietà; non è difficile infatti imbattersi in pietre fungaie anche di 17 kg!! Tempo fa, proprio la pietra fungaia veniva estratta e riposta in un luogo umido , scuro e freddo per la riproduzione di nuovi corpi fruttiferi.


Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google+ Condividi su Pinterest
 
Vacanze invernali nel Cilento
Luci d'Artista Salerno
Istituto Cardiologico De Martino
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Info | Chiudi